Archivi tag: cambiamento

CERCARE LAVORO E’ RACCONTARE UNA STORIA


Cercare lavoro è raccontare una storia; la propria storia che ognuno di noi identifica raccontandola dentro di sé, nel momento in cui cerca di capire chi è, cosa vuole, quanto intende investire per arrivare al risultato. 

Quanto siamo capaci di raccontare una storia coinvolgente, che valga la pena di essere ascoltata, che sia significativa e vera?

Nella ricerca del lavoro è importante comunicare chi siamo, far capire cosa sappiamo fare, illustrare quale esperienza abbiamo acquisito, evidenziare come potremmo aiutare il datore di lavoro a risolvere i suoi problemi. E’ questo che davvero facciamo? 

Cercare lavoro è difficile, noioso, frustrante. 

Così, spesso, ci accontentiamo di dire che siamo genericamente capaci, normalmente laureati, banalmente leader o semplicemente comunicativi.

Ma come raccontare la nostra storia attraverso lo schema di un curriculum? Cosa legge il mio interlocutore, cosa percepisce da quello che affermo? Io sono quel che trasmetto? 

Quanto il mio lettore si fida e si ritrova in quello che dico?

Spesso, i cv sono un elenco di scuole frequentate, di ruoli ricoperti, di aziende visitate. Croci infinite su campo bianco.

Definirsi significa avere una precisa immagine di sé ed essere in grado di trasmetterla agli altri.

La comunicazione è un elemento costitutivo della persona; infatti il modo e il senso della comunicazione definiscono la persona, non sono “qualcos’altro”.

Per il lavoratore la comunicazione contribuisce a definire sé stesso; capace, perché sa raccontarsi, sa sviluppare e governare le reti di relazioni attorno sé. 

Farsi ri-conoscere, far conoscere le proprie capacità e risorse, la propria integrità e coerenza di persona e di lavoratore e le proprie capacità: questo è il primo passo di una efficace ricerca di lavoro.

E quanto sei capace di raccontarti ai tuoi interlocutori?

Ti ricordi quando a scuola pensavi di conoscere la materia, ma poi, quando si trattava di argomentarla non ne eri capace? L’impressione di aver compreso un argomento, ma di non essere in grado di spiegarlo, non è essa stessa incomprensione? Se non riesco a spiegarlo significa che non ho capito.

Non aver ben compreso sé stessi significa, sostanzialmente, non essere in grado di raccontarsi e di motivare gli altri a prenderci in considerazione.

Cercare un lavoro significa identificare la storia che abbiamo dentro noi stessi, dotarla di un senso, cercare un pubblico interessato ad ascoltarla, a considerarla e apprezzarla per il suo valore.

Raccontare una storia significa aver qualcosa da dire e saper coinvolgere emotivamente, cioè interessare l’altro che vorrà approfondire.

.

Quali parole per quali competenze?


Si, certo; la comunicazione è – assieme al lavoro di gruppo – la capacità che ogni offerta di lavoro, degna di questo nome non dimentica di chiedere e che bisogna a tutti i costi avere (come dire: sono cool, sono moderno). Continua a leggere

La resilienza e la ricerca di lavoro

images-2Resilienza è una parola che indica un concetto abbastanza “di moda” in questo periodo. Confesso che, le prime volte che lo sentivo, non sapevo bene cosa significasse, così mi sono preso la briga di approfondire un poco. Nulla di nuovo; chissà quanti non conoscevano bene la parola, pur avendone sperimentato, inconsapevolmente, il significato.

Il concetto è ripreso dalla metallurgia, dove resilienza per un metallo è la capacità di resistere alle forze che vi sono applicate, senza perdere le caratteristiche originarie. Dal contesto originario, il termine si è trasferito alla psicologia, arricchendo il suo significato: quindi nelle persone, la resilienza è la “capacità di resistere e di reagire di fronte alle ineluttabili difficoltà e ad eventi negativi”. Concetto che si adatta, e molto, ai nostri tempi e agli argomenti che qui trattiamo. Si tratta della nostra capacità di resistere e anzi di adattarci al meglio alle situazioni lavorative o di ricerca di lavoro, che sono, appunto, difficili. Quanto siamo capaci di adattare il nostro comportamento in un ambiente lavorativo in cui non ci sentiamo valorizzati? Quanto siamo in grado di resistere alla pressione e agire per cambiare, quando siamo nella situazione di  aver perso il nostro lavoro? La persona resiliente, in questo caso, è chi accetta la situazione, cerca di studiare il miglior comportamento possibile e si dà da fare per trovare un’altra occupazione: possibilmente migliore della precedente.images-3

Un mio conoscente mi raccontava che gli capitava, di quando in quando, di perdere o di rompere un oggetto e di doverlo, perciò sostituire con un altro. Nel suo caso, potendoselo permettere, preferiva sempre acquistarne uno simile ma migliore del precedente: se si rimpiazza qualcosa, si fa il possibile per migliorarlo.

Scopo certamente non facile, visti i tempi, ma la persona resiliente non si fa fuorviare e mantiene la barra dritta, cercando in tutti i modi di perseguire l’obiettivo, pur difficile e impegnativo, mantenendo forte la sua motivazione e determinazione verso il raggiungimento. Comportamento non sempre facile da praticare, ma che, attraverso l’aiuto di persone che hanno le stesse difficoltà, diventa più realistico.

la persona resiliente, nonostante la sua naturale vulnerabilità e fragilità, si adatta e trasforma eventi negativi e pericolosi in opportunità per crescere e progredire, non nonostante ma talvolta proprio dalle difficoltà che segnano la vita”. (Nello scrivere questo post mi sono fatto aiutare dalla lettura che ho fatto di N. Galantino: Resilienza, su La Domenica del Sole 24 ore)

Sei una persona di successo?

Avere successo è raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissi, come migliorare il nostro lavoro o trovare un buon lavoro dopo che lo abbiamo perduto.

Ma cosa ti rende davvero una “persona di successo”?

Puoi fare qualcosa per diventarlo?

C’è un comportamento da mettere in pratica o tutto dipende dal caso?

C’è modo di capire cosa fanno le persone che arrivano ad avere successo e quelle che, invece, alla propria affermazione non arriveranno mai?

L’infografica che segue, scherzosamente mette in fila i disparati comportamenti che portano a conseguenze diverse…

(MALEDIZIONE E’ IN INGLESE! TROPPO DIFFICILE PER ME! IO LASCIO PERDERE…)

Tanto per cominciare:

  • Le persone che non hanno successo hanno paura del cambiamento e sperano sempre, in segreto, che gli altri… falliscano.
  • Invece le persone di successo trasmettono il proprio piacere nel fare le cose che fanno e pensano a lungo termine.

Insomma, il mondo si divide in due parti; scegli da quale stare e quale comportamento ti darà… la felicità!

UNSUCCESSFUL

  • Temere il cambiamento.                                  habitsofsuccessfulpeople
  • Agire prima; pensare poi.
  • Mollare facilmente.
  • Perdere tempo.
  • Pensare di sapere già tutto.
  • Parlare più che ascoltare.
  • Criticare sempre.
  • Non darsi obiettivi concreti.
  • Lasciarsi distrarre continuamente.
  • Cercare di abbassare gli altri al proprio livello.
  • Offendere.
  • Sperare segretamente che gli altri falliscano.
  • Prendere sempre la strada meno faticosa.
  • Non sapere esattamente chi e cosa si vuole essere.
  • Pensare, dire e fare cose negative.
  • Smettere di imparare.
  • Sempre arrabbiati con gli altri.
  • Tenere il broncio.
  • Pensare di avere sempre ragione.

SUCCESSFUL

  • Tracciare i progressi.
  • Apprendere dagli errori.
  • Passare tempo con le persone che fanno stare bene.
  • Mantenere un adeguato bilanciamento tra vita e lavoro.
  • Scrivere i propri obiettivi.
  • Complimentarsi con gli altri.
  • Avere una o più liste di cose da fare.
  • Avere ben chiara la propria mission.
  • Essere contenti che gli altri abbiano successo.
  • Accettare le responsabilità dei fallimenti.
  • Avere un desiderio bruciante.
  • Lavorare con passione e con responsabilità.
  • Imparare, migliorare, leggere ogni giorno.
  • Prendersi rischi.
  • Maneggiare bene i problemi.
  • Essere umili.
  • Scambiare informazioni.
  • Trasmettere gioia.
  • Perdonare gli altri.
  • Parlare delle belle idee.
  • Abbracciare il cambiamento.

Ebbene sì: lo ammetto, sono molto bravo, ma l’idea del post me l’ha data Laurence Hebberd, che è Community Manager di Link Humans in London. Scrive anche  su Twitter- @LinkHumans. Lo ringrazio.

Mamma ho perso il lavoro! Embè? Atto secondo

ORMAI E’ FATTA! SEI… FUORI.

coverPaola Pesatori, è vice presidente di Unbreakfast: “E’ importante superare bene il momento della perdita del lavoro, ma lo è altrettanto darsi da fare per trovare utili informazioni su come ripartire verso una migliore conoscenza di se stessi”. Obiettivo: ritrovare il miglior lavoro possibile.

 

  • E ADESSO?  ESCI NEL MODO MIGLIORE!

Dare un calcio nelle palle al tuo (ex) capo? Bruciare la scrivania? Non è il caso: un attimo di piacere e molti mesi per pentirsene. Piuttosto, studia le mosse da fare.

  • Preparati psicologicamente.
  • Elabora una strategia per negoziare al meglio: i soldi e il tempo che ti sono dati prima di uscire.
  • Non firmare nulla subito.
  • Valuta se rivolgerti a un avvocato.
  • Fatti pagare il TFR con la tassazione agevolata.
  • Chiedi di essere aiutato con un percorso di outplacement.
  • Conserva l’autostima.
  • Non farti prendere da vergogna e sensi di colpa: serve a niente.
  • Devi reagire, datti una mossa!
  • Trova il modo per dirlo in famiglia.
  • HO DAVVERO PERSO IL LAVORO

Ebbene sì! Puoi evitare di mettere tutti i giorni la giacca o il tailleur di ordinanza. Se non altro stai comodo. E ragiona.

  • Non sei il solo/ la sola: purtroppo questi sono anni così. Ma tu hai moglie/marito/figli/genitori/amici che ti saranno davvero vicini, ti renderai conto di quanto sono importanti per te.
  • Hai un network personale: stila un elenco di tutte le persone che conosci, ma non chiedere loro un lavoro; metteresti te stesso/a e loro in imbarazzo. Invece, fatti dare referenze o suggerimenti veramente utili.
  • Cerca corsi di formazione, eventi, convegni vicini ai tuoi interessi: molti sono gratis e di qualità.
  • Il settore Pubblico aiuta: le Provincie hanno la titolarità sul lavoro, ma cerca anche in Regione o in Comune, per informazioni su liste, formazione, percorsi utili.
  • MI RIMETTO IN GIOCO

Organizzati per tornare in pista alla grande

  • A testa alta: un nuovo inizio è importante. Non stare fermo.
  • Tu sei una grande risorsa, non sei un/una disoccupato: fai volontariato, aiuta qualcuno!
  • Rimettersi in gioco e cercare il lavoro è… un lavoro duro!
  • Valuta le tue competenze: quanto sei bravo/a a fare le cose?
  • I professionisti del cambiamento: coach e counselor, seleziona quelli utili e… usali!
  • Formazione: quali sono le competenze e le informazioni che ti mancano?
  • Outplacement: la tua (ex) azienda (#sempresialodata) lo prevede? Potrebbe essere gratis.
  • Il curriculum: da quanto tempo non lo rinnovi?
  • Il colloquio: più ne fai e più diventi esperto. Bisogna conquistarlo!
  • Le società di selezione: per loro sei un valore. Cerca quelle giuste.
  • La risorsa del social network: ti dico solo una cosa LINKEDIN. Se non ci sei non esisti.
  • Unbreakfast: è una grande associazione, veramente etica, non profit e professionale. I suoi membri sono animati dal sincero desiderio di condividere, partecipare, aggiornarsi, pensare positivo e rimettersi in gioco. Ottima per fare rete e scambiare informazioni. Un unico neo: è a Milano.
  • Darsi i tempi giusti: non credo che dopo aver letto questo post troverai il lavoro. Se non fosse così… fammi sapere!
  • I sogni nel cassetto: sembrerà strano, ma è proprio questo il momento di pensarci. Chissà che un tuo vecchio sogno rimandato, non possa essere messo in pratica e diventare una nuova attività.

Da un evento traumatico può scatenarsi la giusta energia che ti permette di cambiare in meglio la tua vita. Provarci con metodo è un obbligo!

bigbangesplosionelavoro

il Big Bang della perdita con le fasi che si vivono e l’approdo possibile PRIMA di trovare la tua strada.

 

 

 

UP40! Abbiamo partiti! ;-))

Venerdì 23 settembre UP40! si è presentata alla città di Verona!

Risultato? Grande grande grande! Siamo felici dell’interesse suscitato. Il primo progetto è dedicato a lavoratori in Cassa Integrazione o in Mobilità che vogliono rientrare alla grande al lavoro! A nostra volta noi stiamo lavorando per ottenere un finanziamento dalla Regione Veneto.

Tra poche settimane partirà il primo percorso e così aiuteremo diversi lavoratori a RI trovare le motivazioni, a RI trovare la speranza, a RI trovare il MIGLIOR LAVORO POSSIBILE!

 

Un momento della presentazione.

Un momento della presentazione.

Io sono una rana!

Sono una rana e sono dentro una pentola; siamo in tanti qui dentro, e diversi tra di noi: piccoli, grandi, giovani, anziani. Qualcuno sta più in basso, qualcun altro sta più sotto. Alcuni stanno bene, altri si lamentano, ma in genere nessuno pensa di andarsene.

Ultimamente, però, l’acqua si è scaldata; anzi è un po’ che continua a scaldarsi. Sempre di più, sempre un po’ di più, tanto che siamo diventati tutti belle rane rosse.

È una situazione antipatica, ma io che ci posso fare? Forse, a un certo punto, qualcuno di fuori, qualcuno che decide, si accorgerà di aver esagerato e abbasserà la temperatura, basterebbe aggiungere del ghiaccio. E così potremo riprendere la nostra vita di sempre, prima che cominciasse a fare così caldo.

È il punto di vista della rana, utilizzando la nota metafora. L’acqua si scalda continuamente, ma lentamente. La rana quasi non se ne accorge e si adatta continuamente ai piccoli cambiamenti, senza pensare che inesorabilmente finirà per essere cotta.

La crisi ci ha messo tutti nella situazione della rana. Solo che molti si ostinano a credere che, prima o poi, l’acqua tornerà a raffreddarsi. O che qualcuno arriverà e metterà le cose a posto. Insomma, si tornerà a lavorare e a guadagnare come prima.

In realtà siamo tutti rane dentro una pentola che ci sta cuocendo. Se non cambiamo in fretta finiremo cotti uno a uno. Qualcuno resisterà di più di qualcun altro, ma la fine è nota.

Cambiare significa rendersi conto che dobbiamo comportarci diversamente. Se il mio business o il mio lavoro non funzionano più, semplicemente devo uscire dalla pentola. Cioè cambiare. Forse il mio lavoro. Forse solo il modo in cui lo faccio. O i clienti che ho.

Facile.

Come per una rana lo è uscire da una pentola.

Unknown

Ps. se non conosci la storia della rana, vai qui: http://metaforeinmovimento.blogspot.it/2011/09/la-parabola-della-rana-bollita.html