Archivi categoria: LAVORO

CERCARE LAVORO E’ RACCONTARE UNA STORIA


Cercare lavoro è raccontare una storia; la propria storia che ognuno di noi identifica raccontandola dentro di sé, nel momento in cui cerca di capire chi è, cosa vuole, quanto intende investire per arrivare al risultato. 

Quanto siamo capaci di raccontare una storia coinvolgente, che valga la pena di essere ascoltata, che sia significativa e vera?

Nella ricerca del lavoro è importante comunicare chi siamo, far capire cosa sappiamo fare, illustrare quale esperienza abbiamo acquisito, evidenziare come potremmo aiutare il datore di lavoro a risolvere i suoi problemi. E’ questo che davvero facciamo? 

Cercare lavoro è difficile, noioso, frustrante. 

Così, spesso, ci accontentiamo di dire che siamo genericamente capaci, normalmente laureati, banalmente leader o semplicemente comunicativi.

Ma come raccontare la nostra storia attraverso lo schema di un curriculum? Cosa legge il mio interlocutore, cosa percepisce da quello che affermo? Io sono quel che trasmetto? 

Quanto il mio lettore si fida e si ritrova in quello che dico?

Spesso, i cv sono un elenco di scuole frequentate, di ruoli ricoperti, di aziende visitate. Croci infinite su campo bianco.

Definirsi significa avere una precisa immagine di sé ed essere in grado di trasmetterla agli altri.

La comunicazione è un elemento costitutivo della persona; infatti il modo e il senso della comunicazione definiscono la persona, non sono “qualcos’altro”.

Per il lavoratore la comunicazione contribuisce a definire sé stesso; capace, perché sa raccontarsi, sa sviluppare e governare le reti di relazioni attorno sé. 

Farsi ri-conoscere, far conoscere le proprie capacità e risorse, la propria integrità e coerenza di persona e di lavoratore e le proprie capacità: questo è il primo passo di una efficace ricerca di lavoro.

E quanto sei capace di raccontarti ai tuoi interlocutori?

Ti ricordi quando a scuola pensavi di conoscere la materia, ma poi, quando si trattava di argomentarla non ne eri capace? L’impressione di aver compreso un argomento, ma di non essere in grado di spiegarlo, non è essa stessa incomprensione? Se non riesco a spiegarlo significa che non ho capito.

Non aver ben compreso sé stessi significa, sostanzialmente, non essere in grado di raccontarsi e di motivare gli altri a prenderci in considerazione.

Cercare un lavoro significa identificare la storia che abbiamo dentro noi stessi, dotarla di un senso, cercare un pubblico interessato ad ascoltarla, a considerarla e apprezzarla per il suo valore.

Raccontare una storia significa aver qualcosa da dire e saper coinvolgere emotivamente, cioè interessare l’altro che vorrà approfondire.

.

Annunci

Quali parole per quali competenze?


Si, certo; la comunicazione è – assieme al lavoro di gruppo – la capacità che ogni offerta di lavoro, degna di questo nome non dimentica di chiedere e che bisogna a tutti i costi avere (come dire: sono cool, sono moderno). Continua a leggere

Benedetta Rinaldi: una di noi

Unknown-3

Benedetta Rinaldi è la conduttrice di Uno Mattina della RAI, in coppia con Franco di Mare.

O meglio era la conduttrice, perché la RAI non le ha rinnovato il contratto. Cose che càpitano, non c’era nessun obbligo di continuare il rapporto; semplicemente la direzione non ha ritenuto di non andare avanti con lei.

Certo, non è la stessa cosa di un mancato rinnovo del lavoro di un magazziniere o di un’impiegata o di un social manager; diverso anche da uno stage che non vuole diventare un lavoro vero.

O no?

I livelli sono certamente diversi, ma i comportamenti e le reazioni delle persone di fronte alla perdita sono uguali…

Un mancato rinnovo, inaspettato e improvviso, lo stupore, la rabbia e il dispiacere: a quante persone è capitato o capiterà?

Non me l’aspettavo – nessuno mi ha detto nulla – avrei dovuto capirlo – l’ho saputo indirettamente – mi hanno tenuto all’oscuro fino all’ultimo.

La sensazione di essere stati presi in giro, di essere stati usati, che un lavoratore o un altro siano la stessa cosa per l’azienda: le reazioni sono uguali, per una conduttrice famosa e per uno stagista.

Già, perché il lavoro NON è solo uno stipendio.

È la possibilità di progettare la propria vita, è avere la stima di noi stessi e le stima delle persone che ci circondano: familiari, amici, colleghi. Il lavoro è la propria realizzazione, è per questo che le persone si deprimono (ci restano male) quando lo perdono.

La vicenda di Benedetta Rinaldi è una lezione per tutti,  perché ci fa capire che abbiamo le stesse reazioni di fronte alla perdita del lavoro.

E quindi?

Tutti abbiamo dentro noi stessi le risorse per superare le difficoltà e trasformarle in opportunità. Dopo un naturale momento di tristezza o rabbia, dobbiamo prendere in mano la situazione e volgerla a nostro favore; lo dobbiamo a noi stessi. Fosse facile! la negatività inizialmente è più forte della positività, il dolore e la disillusione sembrano essere più forti di tutto il resto.

Però, questo è il momento per capire quali siano le nostre competenze, le nostre motivazioni, le cose che ci piace fare. Possiamo decidere se stare tra quelli che non ce la fanno o quelli che riescono a ripartire.

Paradossalmente perdere il lavoro può diventare il motivo per fare il punto su noi stessi, capire chi siamo e cosa vogliamo essere in futuro,  ma è anche l’occasione per capire chi sono le persone intorno a noi e come ci possono aiutare. 

Analisi e bilancio delle proprie competenze e uso corretto del networking, sono  gli strumenti per una ripartenza, per arrivare in un luogo migliore di quello che abbiamo lasciato.

Da solo io non ne sono capace: persone ed Enti mi hanno aiutato e il risultato è arrivato.

E così il Signor Paolo ha vinto un lavoro

images

 

Complimenti a Paolo! Un altro che ce l’ha fatta! Il lavoro è suo.

Il suo compito non era facile; ultra sessantenne con una (troppo) lunga pausa dall’ultima occupazione, esperienza di medio alto livello nella gestione aziendale, e professionista di qualità. 

Si intuiva una grande professionalità, ma si vedeva una persona stanca .

Demotivato, spaventato, dimesso: quando l’ho incontrato era così; anche il suo biglietto da visita trasmetteva la difficoltà. Ma Paolo è bravo e, come si dice, non ha mai mollato, non si è mai veramente arreso alle difficoltà. Lui è una Porsche vestita da Cinquecento; lo so, l’esempio è banale, ma non casuale, lui sa il perché.

Cos’è successo? Paolo è tornato a essere quello che era e che si era dimenticato di essere: un marketing manager esperto di controllo di gestione. Lo ritroviamo che è diventato Responsabile Commerciale per una bellissima startup che produce robe tecnologiche. 

Adesso è un’altra persona: si vede che sta bene. 

Si, ma come ha fatto? La sua forza è il networking e la voglia d’imparare. Networking per lui significa partecipare a tutti gli eventi formativi gratuiti, a tutti i convegni a tutte le presentazioni nel giro di cento chilometri: lean, big data, personal branding, strumenti per i freelance; anche quello che non gli serviva subito era una scusa per conoscere persone, per farsi conoscere, per scambiare biglietti e per richiamare poi, per presentarsi professionalmente. Così ha costruito un data base dove ha segnato tutti i nomi delle persone e delle aziende conosciute: a scadenze regolari, li chiama, li tiene informati delle sue azioni, chiede se sono interessati a lui e alle cose che sa fare.

E poi una persona che l’ha conosciuto, che Paolo tiene nel data base, incontra un imprenditore, che non sa che fare per trovare un professionista in grado di mettere mano al controllo di gestione di questa azienda – 4 milioni di fatturato che sta crescendo – senza sapere bene come fare e cosa diventare. E quella persona propone: ti faccio conoscere uno bravo, lo puoi vedere e casomai assumere a tempo. Si vedono, si studiano, si mettono reciprocamente alla prova, si piacciono e alla fine firmano il primo contratto, e poi il secondo. E aumentano le responsabilità e le cose da fare. E alla fine il piano di sviluppo dell’azienda lo ha scritto lui.

Paolo si è ritrovato, è come fosse a casa sua. E’ stato bravo. Per me si è trattato solo di dargli una spinta; di ricordargli quanto fosse capace e pieno di vera professionalità e di idee da dare all’azienda e al mondo.

Complimenti, bravo Paolo

 

Ho vinto un colloquio! E adesso che faccio?

E così, dopo aver spedito centinaia di cv, aver risposto ad offerte e aver spedito lettere di autocandidatura, ti è arrivata la telefonata che ti convoca ad un COLLOQUIO DI CONOSCENZA…

Che fare? Come mi presenterò, cosa racconterò di me, cosa mai mi chiederanno? Sono molti gli elenchi delle domande più ricorrenti, dalle più puntuali alle più spaventose, come “mi parli di lei” oppure “perché dovremmo assumere proprio lei?”; abbiamo preparato un piccolo elenco delle cose da ricordare. Una breve lista di cose che vale la pena di considerare quando ci si prepara ad un colloquio. Si tratta di punti ai quali fare attenzione oppure da preparare prima. Un esempio? Se il selezionatore vi chiedesse di presentarvi in due minuti, cosa vorreste dire? Qualcosa di interessante, di esaustivo e che faccia venir voglia di essere approfondito, così da portare la discussione dove… volete voi.

Di seguito la lista; che ne pensate?

Il mio cv:  quale titolo

La mia stretta di mano

Il mio abbigliamento: formale, elegante, informale?

Lo sguardo: dritto verso l’altro

Come, dove e in che modo sei seduto? Cerca di imitare l’interlocutore

Chi sono i selezionatori?

Chi deciderà della tua assunzione?

Quale sarà la mia posizione e il mio ruolo in azienda? Mi interessa davvero?

Azienda: cosa fa e come si pone sul mercato: è una Startup o è consolidata?

Quale clima in azienda: quali valori, cos’è che conta di più per l’azienda, cosa viene premiato?

Cosa vogliono da te e cosa si aspettano dal tuo ruolo

Con chi lavorerai: i tuoi colleghi e i superiori

Autopresentazione in due minuti: preparati prima e parla di quello che vuoi TU

Cosa faccio e cosa mi piace fare

Cosa ho fatto e come: risultati raggiunti nella professione

I miei punti di forza: sono veramente bravo/a a fare…

I miei punti critici: ma li trasformo in punti di forza!

Esperienze significative che dimostrano la mia leadership, collaborazione, mediazione, accordo, determinazione, ANCHE NON NEL LAVORO.

FAI UN BEL RESPIRO E… BUON COLLOQUIO!

Ogni volta che succede un incidente sul lavoro

Eh sì, sempre le stesse parole. Qualcuno, mentre lavora si fa del male o, peggio, muore, e tutti a ripetere la litania.

In pochi giorni in Lombardia – ma poteva essere ovunque in Italia – alcune persone sono morte mentre stavano lavorando. In un caso erano lavoratori esperti; in un altro si è trattato di un giovane che è morto sotto gli occhi del padre, che lo seguiva. Tutti superficiali? Hanno tutti sbagliato qualcosa? Nessuno ha seguito le norme (che ci sono)?

Perché ogni volta devo/dobbiamo sentire gli stessi commenti da parte di giornalisti, sindacalisti, datori di lavoro, eccetera?

  • “Si deve investire di più nella sicurezza”,
  • “La crisi ha abbassato la percezione del pericolo nelle aziende”,
  • “Non si fa abbastanza per la sicurezza”…

Non è che si fa troppo, ma lo si fa male? Ha senso proclamare una manifestazione di piazza? Mobilitarsi per un giorno? Promuovere un dibattito a caldo? Per cosa? Per sensibilizzare chi?

Risposte non ne ho. Ma ho l’impressione che ci sia qualcosa di sbagliato, qualcosa che non funziona. Ho paura che le cose cambieranno troppo poco e con grande difficoltà. E penso – spero non sia irrispettoso – a un qualsiasi telefilm americano, dove, se il protagonista deve anche solo dipingere una porta di legno, indossa gli occhiali protettivi, i guanti e un grembiule adatto.

Che sia un problema di CULTURA? Forse si intende la formazione alla sicurezza, solo come un elenco descrittivo e noioso delle cose da fare e di quelle da non fare? Formazione alla sicurezza significa dire quali sono i dispositivi adeguati? Qualcuno ha mai misurato il cambiamento di comportamento delle persone DOPO un corso di formazione? La percezione del rischio, pensare intimamente che “tanto a me non può succedere, perché io sono esperto”, qualcuno l’ha mai considerata? Forse, fino a quando la sicurezza sul lavoro sarà considerata un costo per le aziende e un intralcio per i lavoratori, cambiamenti non ne vedremo. E sentiremo gli stessi commenti e le solite prediche.

Cercare lavoro da soli è meglio?

Nella ricerca di un buon lavoro è sempre meglio soli che male accompagnati.

Il bravo cercatore di lavoro è come uno che cerca funghi in un bosco a ottobre: da soli si trova di più e di meglio. Se siamo in due bisogna dividere il malloppo; e se si è in tre?

 

Qualche giorno fa ho incontrato un professionista senza lavoro da qualche settimana; un dipendente di livello medio alto, con esperienze importanti, non giovane, licenziato da una piccola impresa con mercato internazionale. Una persona con una interessante storia professionale, di livello culturale medio alto, determinata e ben organizzata. Gli serviva solo di fare un poco di networking: utilizzare (ex) colleghi, conoscenti, chi lavora nella concorrenza, associazioni di categoria, un job-club, altri che cercano lavoro, per rinforzare la ricerca, per aumentare le informazioni e per supportare ed essere supportato nei momenti difficili.

“Cercare insieme ad altri? Non credo possa funzionare. Io sono… speciale!”, mi ha risposto.

“Quello che cerco io è troppo particolare! Quello che io voglio è molto di nicchia, non siamo in molti nel mio settore: non vedo come altri potrebbero essermi utili; né, d’altra parte, come potrei io esserlo per loro? Io non conosco nessuno al di fuori del mio ambiente di lavoro. Se volessi inserirmi, che so, nel marketing o nelle costruzioni civili, allora sì che qualcuno potrebbe aiutarmi, ma la mia è una ricerca troppo peculiare… e poi… meno concorrenza c’è meglio è. Quello che trovo è mio, e basta”.

Ma non è vero.

Collaborare con gli altri aumenta la qualità del lavoro. Certo, non è facile lavorare in gruppo, almeno all’inizio, ma quando il gruppo funziona i singoli possono raggiungere obiettivi che si credevano irraggiungibili: la forza, l’intelligenza e la motivazione di ciascuno, sommati, danno risultati nettamente superiori.

In un buon gruppo 1 + 1 può fare 3!

Non è un’opinione, ma un fatto, accertato da numerose ricerche.

La “collaborazione” è un vero e proprio strumento di lavoro: possiamo avere più informazioni utili, migliorare la nostra autostima, tenere alta la motivazione, sbagliare di meno nella ricerca, riusciamo anche migliorare il nostro curriculum.

Prova solo a pensare ad un piccolo gruppo di persone che cercano lavoro: ci si trova una volta la settimana – va bene anche un bar, come fanno quelli di Unbreakfast (www.unbreakfast.it) – si scambiano informazioni, nomi e numeri di telefono, li si vaglia insieme, si controllano a vicenda i cv, si condividono corsi di formazione o convegni (gratuiti) dove incontrare potenziali datori di lavoro, si divide il lavoro di ricerca, si portano a conoscenza i colleghi di potenziali offerte interessanti. E l’elenco delle cose che si possono fare non finisce qui.

Condividere informazioni e metodi di lavoro, fa la differenza, fa aumentare il numero di aziende prese in esame, rende più mirata la ricerca, il tutto a patto che ci sia un metodo e che lo si applichi correttamente.

L’indagine che può fare una persona, per quanto ben fatta, non porterà mai agli stessi risultati di una fatta con il supporto di un gruppo che condivide le stesse esigenze. Quando il gruppo funziona i membri più attivi stimolano quelli momentaneamente più deboli; la ricerca di un buon lavoro dura diversi mesi e qualche volta la motivazione cala: ma il rapporto positivo con gli altri ci aiuta a superare i momenti di buio, la motivazione ballerina, le depressioni che sono sempre dietro l’angolo. E se il gruppo è composto da persone che cercano lavori diversi tra loro… tanto meglio! Minore concorrenza tra i membri e minori tensioni, visto che la condivisione delle informazioni apre nuovi mercati e può aprire anche la nostra mente alla ricerca di vendere un prodotto che… siamo noi stessi! L’importante è darsi delle regole chiare e seguirle: per esempio chiunque trovi un’occasione, deve condividerla con gli altri, pur essendo il “titolare” della stessa.

Fare networking significa creare e attivare la rete delle persone, delle aziende, delle associazioni professionali e di categoria, degli Enti che possiamo raggiungere e che ci possono portare informazioni, permettendoci così di conoscere meglio il mercato di riferimento, le occasioni di lavoro o di formazione. Ma fare networking significa amplificare la nostra potenza di ricerca.

La rete presidiata e utilizzata adeguatamente dà risultati. La condivisione delle informazioni dà risultati. Migliorare in gruppo il proprio curriculum dà risultati.